„Il tuo anno“ con Anna P.

Soggiorno annale in Ecuador

26.02.2024

Undicesimo articolo

Non volevo che il pensiero di dover lasciare l’Ecuador e tornare in Svizzera mi attraversasse la mente. L’ultimo mese, in particolare, è stato il più bello di tutto l’anno; mi sono sentita completamente a casa con la mia famiglia ospitante e da tempo la considero la mia seconda famiglia. Mi ero fatta i migliori amici, che mi hanno reso incredibilmente difficile dire addio. Mi ero anche finalmente abituata al cibo e la scuola mi piaceva così tanto che avevo davvero paura di lasciarmi tutto alle spalle e di non poter più avere questa vita.

Quando sono salita sull’aereo per l’Ecuador alla fine di agosto del 2022, avevo molti dubbi perché non avevo idea di cosa aspettarmi. Ma alla fine del mio soggiorno, nessuno di questi dubbi si è avverato e ho trascorso in Ecuador il periodo più bello della mia vita.

Naturalmente ero felice di rivedere finalmente la mia famiglia e i miei amici in Svizzera, ma allo stesso tempo non sapevo quando e se avrei rivisto la mia famiglia e i miei amici ecuadoriani.

Sapevo che mi sarebbe mancata soprattutto la mia famiglia ospitante, in particolare la mia sorellina, ma anche il gruppo di amici che mi ero fatta negli ultimi mesi. E anche se non vedevo l’ora di godermi la libertà della Svizzera, sapevo che mi sarebbe mancata questa sensazione molto speciale dell’anno di scambio. Solo gli studenti di scambio conoscono questa sensazione ed è impossibile da descrivere. Ma c’era una cosa che non vedevo l’ora di provare: il cibo in Svizzera. I piatti ecuadoriani mi sono piaciuti molto, ma non potranno mai battere la raclette e il rösti. 🙂

Sono incredibilmente grata di aver avuto questa opportunità e di essermi immersa per un anno in un mondo completamente diverso. Ho vissuto lo stile di vita ecuadoriano e ho imparato moltissimo su altre culture, ma anche su me stessa.

Decimo articolo

Fortunatamente non ho trovato difficoltà nell’imparare lo spagnolo. Dopo 9 mesi, riuscivo a parlarlo fluentemente senza cercare le parole giuste e capivo praticamente tutto. Poiché la mia famiglia ospitante parlava solo spagnolo, sono stata costretta a parlare spagnolo fin dall’inizio. La mia sorellina ospitante mi ha aiutato molto perché ha giocato molto con me e mi ha insegnato la lingua in modo semplice. Soprattutto all’inizio, spesso scriveva le parole spagnole su una lavagna per me e io scrivevo la traduzione in tedesco. In questo modo, entrambi abbiamo imparato una nuova lingua. 🙂

Ma ho anche preso lezioni di spagnolo. Nei primi due mesi, i miei genitori ospitanti mi hanno pagato un corso di spagnolo online con un’insegnante ecuadoriana. Tuttavia, poiché ha smesso di insegnare dopo pochi mesi, ho seguito un corso online con un’insegnante di spagnolo tedesca per altri 4 mesi. Anche questo si svolgeva online una volta alla settimana. Posso solo consigliare di seguire dei corsi di lingua, soprattutto all’inizio. Sono stata molto fortunata perché i miei genitori ospitanti mi hanno pagato le prime lezioni, ma ci sono anche scuole di lingua per le rispettive lingue nazionali praticamente in ogni grande città. Tuttavia, credo che avrei imparato velocemente la lingua anche senza il secondo corso. È stato utile soprattutto per imparare le regole grammaticali, ma ho imparato a parlare soprattutto grazie ai miei contatti ecuadoriani e alla mia famiglia ospitante.

Poiché ho sempre parlato in inglese con gli altri studenti di scambio durante i viaggi del Rotary, anche il mio inglese è migliorato molto durante l’anno.

Sono molto orgogliosa dei miei progressi linguistici e posso solo consigliare a tutti i futuri studenti di scambio di iniziare a parlare la lingua locale il prima possibile. Non bisogna avere paura di sbagliare, la gente del posto è sempre contenta quando si cerca di parlare e imparare la loro lingua.

Nono articolo

Nell’aprile 2023, grazie al Rotary, ho avuto l’opportunità di visitare un luogo in cui pochissime persone si recano: le Isole Galapagos! Insieme agli altri studenti di scambio provenienti da tutto il mondo, che da allora sono diventati i miei migliori amici, ho trascorso cinque giorni in questo luogo straordinario. Abbiamo fatto snorkeling, visto le famose tartarughe giganti delle Galapagos e sperimentato molte altre cose. È stato sicuramente un viaggio unico.

Ma ho anche visto molto del Paese: sono andata in vacanza sulle Ande per una settimana con la mia famiglia ospitante, ho trascorso tre giorni meravigliosi con la mia migliore amica dai suoi parenti in un villaggio sperduto in campagna e a gennaio ho anche trascorso una settimana in Amazzonia con gli altri studenti di scambio. Lì abbiamo pescato i piranha, fatto escursioni nella foresta, visto animali e piante uniche e trascorso una giornata con una famiglia indigena, il che è stato incredibilmente impressionante. In generale, ho imparato così tanto sulla gente e sulla cultura di questo Paese, che non è più così estraneo per me, che mi sento davvero a casa. Gli ecuadoriani sono davvero molto ospitali e sono felici di farci conoscere il loro stile di vita e il loro Paese. Ormai mi sono abituato anche al cibo, che di solito è molto buono. L’unica cosa a cui probabilmente non mi abituerò mai è la porzione giornaliera di riso secco…

Ottavo articolo

Mi è piaciuto molto andare a scuola. Avevo una classe fantastica e andavo d’accordo con la maggior parte degli insegnanti. La mia scuola era la scuola pubblica più costosa di tutta la città e in generale era molto conosciuta in Ecuador. Si vedeva: la scuola prestava molta attenzione a un’immagine positiva e c’erano molti eventi in cui gli esterni potevano visitare la scuola. Poiché la scuola attribuisce grande importanza alle lingue, ho avuto alcune materie in inglese, come „Economics“ o „Project and Design“. Inoltre, tutti gli studenti imparano il portoghese e ci sono anche lezioni di francese nelle classi inferiori.

La mia scuola ecuadoriana era molto diversa da quella svizzera. Una delle maggiori differenze è che tutti gli studenti frequentano la stessa classe dal primo al tredicesimo anno (ultimo anno). Non ci sono divisioni in diversi livelli di rendimento dopo qualche anno. Non c’è nemmeno la possibilità di iniziare un apprendistato dopo 9 anni. In Ecuador c’è solo la possibilità di frequentare l’università dopo i 13 anni di scuola obbligatoria. Un’altra grande differenza è che l’insegnamento è generalmente molto più rilassato che in Svizzera. È del tutto normale che gli insegnanti a volte non si presentino. Tuttavia, poiché non è possibile uscire da soli dalla sede, si deve stare a scuola per 7 ore al giorno e non si può andare a casa prima o tornare a scuola più tardi se una lezione viene cancellata.

Da settembre a febbraio ho frequentato il 12° anno (in Svizzera avrei frequentato l’11°) e dopo due mesi di vacanze (estive) ho frequentato l’ultimo anno per gli ultimi due mesi. L’insegnante di classe cambia per ogni livello. Mi sono trovata bene con entrambi, anche se nessuno dei due era uno dei miei insegnanti preferiti.

Una cosa che mi è piaciuta molto e che ora mi manca molto in Svizzera è lo stretto contatto e la coesione di classe che gli studenti avevano tra loro. Sebbene la scuola fosse molto grande per gli standard ecuadoriani (circa 1000 studenti), tutti si conoscevano e c’erano molte amicizie al di fuori della propria classe. In generale, il senso di comunità è stato fortemente incoraggiato dalla direzione della scuola e dagli insegnanti. Anche il rapporto tra insegnanti e alunni era molto più stretto. Per esempio, chiamavamo i nostri insegnanti per nome e il giorno del compleanno di un insegnante gli alunni festeggiavano sempre con una piccola festa in classe.

Settimo articolo

Ho conosciuto il mio Rotary Club il giorno del mio arrivo. Poiché il mio padre ospitante era il presidente del club, quella sera ha invitato tutti i membri del RC a casa nostra. Ho dovuto presentarmi con la mia scarsa conoscenza dello spagnolo, abbiamo fatto delle foto, ho consegnato il regalo (un coltellino svizzero) che avevo portato per il mio YEO e anche il mio club aveva un regalo di benvenuto per me, che mi ha reso molto felice. Mi ha sorpreso anche il fatto che la maggioranza del club fosse composta da donne e che la maggior parte dei soci avesse meno di 50 anni.

Ma dopo quella sera non ebbi più nulla a che fare con il club per molto tempo, perché non dovevo andare ai pranzi del club ogni settimana come gli altri studenti di scambio. Il mio padre ospitante mi dava tutte le informazioni importanti per gli eventi, come una campagna di regali in una scuola pubblica poco prima di Natale o una sfilata di tutti i Rotary club della città.

Il mio club era molto nuovo. È stato fondato nel 2019 e io sono stata la prima studentessa di scambio che hanno accettato. Mi sono subito resa conto che molti membri del club non sapevano bene quale fosse il loro ruolo con gli studenti di scambio, ma sapevo che potevo sempre scrivere al mio YEO se avevo un problema. Inoltre, ho sempre ricevuto la paghetta mensile in tempo. In contrasto a molti studenti di scambio, non ho mai dovuto fare una presentazione della Svizzera al mio club in Ecuador. L’unica presentazione che ho dovuto fare è stata alla fine dell’anno. Ho dovuto raccontare le mie esperienze e le mie avventure durante l’intero anno di scambio, che mi è piaciuta molto perché mi ha permesso di riflettere sull’anno e di rendermi conto di quanto ho vissuto e imparato.

Sesto articolo

Sono stata molto fortunata ad aver fatto subito amicizia. Sono diventata molto amica di un’altra studentessa di scambio svizzera che frequentava la mia stessa scuola e ci incontravamo quasi ogni fine settimana. Ci aiutavamo a vicenda con i problemi e lei è stata una persona molto importante per me quell’anno. È stato bello avere sempre qualcuno che si trovava nella mia stessa situazione. Ci teniamo ancora in contatto e ci vediamo regolarmente. Ma avevo anche molti amici ecuadoriani. Poiché gli ecuadoriani sono molto aperti, non ho mai avuto la sensazione di essere sola o di non avere amici. Avevo sempre qualcuno con cui parlare, il che è stato molto bello. A scuola tutti sapevano che ero uno studente di scambio e molti erano interessati a conoscermi. Dopo qualche mese ho trovato la mia migliore amica e ho trascorso ogni minuto a scuola con lei. Era nella mia stessa classe. A dicembre (dopo circa 3 mesi) sono andata a casa sua per la prima volta e da quel giorno siamo state inseparabili. Ho preso subito a cuore anche i suoi genitori, che sono diventati la mia seconda famiglia ecuadoriana (dovete sapere che non ho mai cambiato la mia famiglia ospitante, ma ho trascorso molto tempo con la famiglia della mia migliore amica, quindi mi sono sentita come se fossero la mia vera famiglia). Verso la fine dell’anno di scambio, mi portavano spesso nella loro casa al mare o dai loro parenti.

Spesso cenavo con i miei amici nei ristoranti o ci incontravamo a casa di qualcuno. A volte andavamo anche alle feste o al piccolo parco divertimenti della città.

La cosa bella di tutte le mie amicizie ecuadoriane, però, è che sono ancora in stretto contatto con la maggior parte di loro. Alcuni dei miei amici pianificono di venire a trovarmi qui in Svizzera nei prossimi mesi e alcuni vogliono addirittura studiare in Europa. Spero quindi di non perdere i contatti con loro.

Quinto articolo

Non potevo immaginare di festeggiare il Natale a 30°C in pantaloncini e maglietta ed ero molto eccitata per questa nuova esperienza. Tutto comminciava all’inizio di novembre, quando la mia madre ospitante ha addobbato tutta la casa con luci fiabesche scintillanti, finti pupazzi di neve di cartone e un albero di Natale di plastica ricoperto di orpelli luccicanti. In Ecuador non si festeggia l’Avvento, ma a scuola, nove giorni prima di Natale, ogni mattina vengono rappresentate elaborate rappresentazioni del presepe, note come „Novenas“, con tanti canti e a volte danze. Ogni giorno viene coinvolta una classe diversa. L’ultimo giorno di scuola, il 23 dicembre, c’è stata una grande festa di Natale con tutta la scuola e il punto culminante della giornata è stato che non dovevamo indossare l’uniforme scolastica, ma potevamo venire a scuola con abiti „normali“.

Sapevo che il Natale non sarebbe stato facile per me senza la mia famiglia e le tradizioni a cui ero abituata, e così è stato. La mia famiglia ospitante ha trascorso la sera del 24 dicembre con la famiglia della zia ospitante. Dopo aver distribuito i regali e scattato circa 1000 foto, abbiamo cenato poco prima di mezzanotte. Speravo che almeno non avrei dovuto mangiare riso a Natale, ma ho davvero sottovalutato gli ecuadoriani e il loro amore per il riso e così ho ricevuto un grande piatto di riso e carne anche la vigilia… Ho avuto molta nostalgia di casa per tutta la sera e non è andata molto meglio nei giorni successivi. Mi mancava incredibilmente la mia famiglia e il Natale in generale in Svizzera. Il periodo natalizio è stato purtroppo uno dei momenti più difficili del mio anno di scambio. Ma con l’inizio del nuovo anno, la nostalgia di casa è scomparsa e sono entrata nel 2023 piena di aspettative per i sei mesi a venire.

Quarto articolo

La mia famiglia ospitante era composta da due giovani sorelle e dai miei genitori ospitanti. Le mie sorelle ospitanti avevano rispettivamente nove e sedici anni. Fin dall’inizio mi sono trovata molto bene con questa famiglia e mi sono sentita subito a casa. Si sono impegnati tanto affinché mi sentissi davvero parte della famiglia. Inoltre, in famiglia c’erano tre cani e un gatto, che rappresentavano per me un grande sostegno emotivo.

Ho persino avuto la fortuna di trovarmi in una famiglia che trascorresse molto tempo con i propri parenti. Mangiavamo quasi tutte le sere e tutti i pranzi da mia nonna ospitante. Ho avuto modo di conoscere meglio e legare con i miei cugini, zii, zie e anche i miei bisnonni. Ciò mi ha dato la sensazione di aver trovato una seconda famiglia.

Tuttavia, ho trascorso la maggior parte del tempo con mia sorella ospitante. Anche se era ancora estremamente timida nelle prime settimane e parlava poco con me (il che era anche dovuto al fatto che non conoscevo bene lo spagnolo), abbiamo sviluppato un legame assai stretto nei primi mesi. Al giorno d’oggi la considero come una vera sorella. Giocavamo assieme tutte le sere, le preparavo delle torte e lei mi imparava lo spagnolo.

Mi sono trovata bene anche con i miei genitori ospitanti. Ho apprezzato il fatto che mi abbiano fatto fiducia sin dall’inizio e che mi abbiano concesso parecchia libertà. Mi hanno trattata come la loro vera figlia, il che non è scontato.

Terzo articolo

Durante i primi mesi del mio anno di scambio, ero occupata a costruirmi una vita dall’altra parte del mondo. All’inizio ho fatto tante cose con la mia famiglia ospitante ed esse mi hanno aiutata a adattarmi rapidamente. Nei fine settimana ho scoperto molti luoghi della regione e della città. Dopo qualche settimana, ho regolarmente iniziato a frequentare e a fare delle attività con gli amici. Mi hanno portata a delle feste, mi hanno mostrato i loro ristoranti preferiti e ci siamo radunati in un parco. In quel periodo ero sommersa da nuove sensazioni, nuove conoscenze e dovevo ancora scoprire chi, tra tutte queste persone che erano entrate nella mia vita, fossero veramente i miei amici più stretti.

Uno dei più grandi cambiamenti è stata a mio parere la cucina. In Ecuador, le persone mangiano tantissimo riso. C’è un piatto di riso in ogni pasto. Alla lunga era stuccante per me e dopo poche settimane ero stufa di tutto quel riso. Naturalmente ci sono anche piatti senza riso in Ecuador. Nella regione costiera in cui vivevo, le persone mangiano pesce, banane dolci e formaggio. Uno dei miei piatti preferiti è il „ceviche“. Si tratta di una zuppa di pesce fredda con cipolle, pomodori, succo di limone e soprattutto, patatine di banane dolci („chifles“) che vengono aggiunte schiacciandole. A prima vista potrebbe sembrare poco invitante e all’inizio ero scettica riguardo a questa zuppa, però si è rivelata essere deliziosa.

La cucina ecuadoriana è alquanto diversa dalla cucina svizzera e all’inizio mi ci è voluto un po’ di tempo per abituarmici. Dopo alcuni mesi mi ci sono abituata. Durante il mio anno di scambio, per i primi due mesi successivi ho rifiutato di mangiare riso, poiché avevo l’impressione di averne mangiato a sufficienza per il resto della mia vita. 🙂

Secondo articolo

Dopo aver trascorso il mio primo mese in Ecuador, ho vissuto già molte più esperienze qui che nei sei mesi precedenti a casa. Ho incontrato una vasta quantità di gente interessante e imparato molte cose sulla cultura. Questo primo mese è stato sicuramente il più eccitante del mio anno in Ecuador. Ho dovuto non solo adattarmi a un nuovo ambiente e a una nuova famiglia, perfino cambiare scuola e fare nuove amicizie sono state dure sfide da dover fronteggiare. Anche se avevo deciso di cambiare scuola è stata comunque una fase difficile. Mi sono sentita decisamente più a mio agio nella mia nuova scuola, e d’altro canto i miei compagni di classe erano tutti gentili. Però, stringere nuove amicizie non è stata un’impresa facile all’inizio. In ogni caso, ho cercato di non mettermi troppa pressione, perché nella vita certe cose richiedono tempo.

Uno dei punti forti di queste prime settimane è stato il mio primissimo viaggio assieme al Rotary Ecuador. In compagnia di una sessantina di altri studenti di scambio da tutto il mondo, ho trascorso cinque giorni nella città di „Baños de Agua Santa“. È una città famosa nelle Ande ecuadoriane con molte attrazioni turistiche. Lì ho stretto amicizie per la vita e ho imparato molto dai miei coetanei. È stato fantastico scambiare opinioni con persone della mia età che si trovassero esattamente nella stessa situazione in cui mi trovavo.

Mi sono trovata bene anche con la mia famiglia ospitante. Ho sempre cercato di essere interessata e aperta alle novità. Si sono presi cura di me e fin dall’inizio mi hanno fatta sentire parte della loro famiglia. Le prime settimane sono state un’altalena di emozioni e sentimenti. Il mio umore cambiava di continuo. Ciò nonostante, non ho mai rimpianto di aver iniziato questa avventura e non vedevo l’ora di scoprire tutto ciò che avrei ancora vissuto in Ecuador.

Primo articolo

¡Hola a todos!

Mi chiamo Anna e ho 17 anni. Abito a Baden AG e al momento frequento la scuola cantonale di Wettingen. Nel tempo libero mi piace fare nuove amicizie e skateboard. L’anno scorso ho vissuto in un paese magnifico chiamato Ecuador. Ho trascorso il migliore anno della mia vita. Ho scelto questo paese dell’America Latina perché è stato presentato alla Country Fair nel novembre del 2021 e mi ha subito destato interesse. Ero affascinata dal fatto che questo paese fosse variegato nelle sue tradizioni, culture e paesaggi.

In effetti, il 28 agosto 2022 mi sono imbarcata nella più grande avventura della mia vita. Ho dovuto dire addio alla mia famiglia e ai miei amici all’aeroporto di Zurigo e sono partita per l’Ecuador con altre due studentesse di scambio. I giorni precedenti alla partenza sono stati molto emozionanti ed eccitanti. Avevo tanti dubbi e anche un po‘ di paura, perché non sapevo cosa mi aspettasse in questo paese lontano. Ma ero anche entusiasta di affrontare tale sfida e non vedevo l’ora di incontrare la mia famiglia ospitante.

Dopo 17 ore di volo, con due scali a Madrid e Quito (capitale dell’Ecuador), siamo atterrati nella città portuale di Guayaquil e siamo stati calorosamente accolti dalle nostre famiglie ospitanti. Ho vissuto a Portoviejo, una città che si trova a tre ore di macchina da Guayaquil. Portoviejo è la capitale della provincia di Manabi e si trova a soli 30 minuti dalla costa del Pacifico.

Da subito, mi sono trovata molto bene con la mia famiglia ospitante. Siccome non parlavo ancora molto bene spagnolo, nelle prime settimane comunicavamo solo con il traduttore di Google. Malgrado la scarsa comunicazione, sentivo di essere a mio agio in questa famiglia. Si sono mostrati aperti e disponibili nel dedicare tempo a conoscere la mia cultura e a stabilire un legame con me.

La prima settimana è stata assai emozionante. Era tutto completamente diverso dalla Svizzera: il cibo, la lingua, la cultura e improvvisamente avevo due sorelline… Ma il cambiamento più grande è stato senza dubbio la scuola. Due giorni dopo il mio arrivo, ho affrontato il mio primo giorno di scuola. I miei compagni di classe erano molto gentili e altrettanto entusiasti di conoscermi, perché per molti di loro era la prima volta che interagivano con una persona proveniente dall’Europa. La scuola aveva un forte orientamento religioso. I telefoni cellulari o altri dispositivi elettronici dovevano essere depositati in segreteria prima delle lezioni e potevano essere ritirati solo dopo la fine della scuola, alle 16:00 (invece io ho potuto tenere il mio telefono per avere il traduttore). Prima di pranzo, gli studenti dovevano pregare e non potevano sedersi fino a quando il preside non avesse benedetto il pasto. Anche il fatto che dovessimo indossare un’uniforme era nuovo per me.

Sfortunatamente, sono rimasta soltanto due settimane in questa scuola, visto che non era “equipaggiata” per accogliere studenti stranieri. Sono profondamente grata ai miei genitori adottivi per aver reso questo cambiamento possibile. Fin da subito, mi sono sentita perfettamente integrata nella mia nuova scuola e ho rapidamente stretto legami con persone che sono diventate i miei migliori amici per l’intero anno.

Ho trovato molto elettrizzante immergermi in questo nuovo mondo così diverso dal mio e ho capito fin dall’inizio di far parte di qualcosa di unico e davvero speciale.