„Il tuo anno“ con Tabea Z.

Soggiorno annuale in Giappone

19.02.2024

Settimo articolo

Il mio Rotary Club qui in Giappone mi è sempre di grande aiuto. Il mio club è proprio accanto alla mia scuola, quindi vado sempre a pranzo da loro una volta al mese. Il mio Rotary Club qui in Giappone è molto più grande di quello in Svizzera, circa 60 persone. Conosco ancora solo i nomi di due persone. E ogni volta che pranzo lì, devo fare un discorso sul mio ultimo mese, ovviamente in giapponese. Non sono una grande fan dei discorsi, ma non è così male come tenergli davanti a una classe. E ogni mese ricevo una paghetta per questi incontri. (Wuhhhuuuu) A proposito di discorsi, ho una gara di discorsi programmata dal Rotary tra quindici giorni contro gli altri inbounds della zona; il vincitore di questa gara dovrà poi tenere lo stesso discorso a Tokyo contro tutti gli altri vincitori degli altri distretti. Sono già molto nervoso…

Il Rotary organizza molto spesso eventi per noi studenti di scambio, abbiamo una riunione una volta al mese con tutti gli altri inbounds, dove facciamo una lezione di giapponese insieme, dopo queste lezioni noi inbounds facciamo sempre qualcosa insieme come il karaoke. Il Rotary ha anche organizzato diverse gite per noi. In due foto si possono vedere gli inbounds, una era durante il nostro ultimo viaggio, l’altra dalla festa di Natale. (Penso che sia abbastanza chiaro quale delle due).

Sesto articolo

Da quando sono arrivato qui in Giappone, ho conosciuto molte persone e mi sono fatto alcuni amici. Sono molto amica di alcuni compagni di classe, mangiamo insieme i nostri bento box ogni giorno, mi aiutano anche quando non capisco qualcosa, grazie a loro ora conosco un po‘ di lingua giapponese giovanile. A volte vado in gita con loro, per esempio siamo andati in un grande centro commerciale. Presto andremo in un parco di arrampicata o qualcosa del genere e non vedo l’ora.

La foto che utilizza filtri molto forti l’abbiamo scattata insieme, questo tipo di foto si chiama Purikura e si fa in una cabina fotografica. Molti giapponesi amano queste foto, io penso che assomiglino un po‘ troppo ad Ailiens per apprezzarle davvero.

La settimana scorsa è arrivata una nuova studentessa di scambio qui in Giappone, che attualmente vive nella mia stessa casa. È davvero fantastica, ci siamo già divertite molto anche se è qui solo da una settimana. Abbiamo guardato insieme la serie di Percy Jackson su Disney+ e, avendo entrambi letto i libri, ci siamo lamentati insieme delle disuguaglianze con i libri (ce n’erano alcune).  Andrà anche nella mia stessa scuola, spero che potremo imparare il giapponese insieme perché imparare da soli è estremamente noioso.

È davvero fantastico vivere con un altro studente in scambio. Qui in Giappone, poche persone sanno parlare bene l’inglese, che significa che il mio giapponese è di solito migliore del loro inglese. Per questo sono felice ogni volta che vedo un altro studente in scambio.

Mi trovo molto bene con gli altri studenti di scambio nei ditorni. Facciamo spesso delle cose insieme, sono quelli con cui mi diverto di più qui. È un po‘ un peccato che io viva così lontano da loro, ma ora ho l’Abi (la ragazza australiana che attualmente vive nella mia stessa casa). Chatto spesso con loro, che intendo continuare a fare anche dopo il mio anno di scambio.

Quinto articolo

Qui in Giappone ci sono diverse usanze simili a quelle svizzere, per esempio sono andata a un mercatino di Natale, a casa mia c’è un albero di Natale e facciamo le vacanze di Natale. Sono particolarmente felice delle vacanze perché non ho avuto vacanze autunnali.  L’albero di Natale è l’unica decorazione che abbiamo, ma non l’abbiamo decorato noi, come facevo con la mia famiglia in Svizzera.

In Giappone è tradizione mangiare una torta a Natale. Abbiamo comprato due torte, entrambe deliziose, ma a me piaceva di più quella al cioccolato. La mia famiglia ospitante ha anche la tradizione di mangiare KFC. Nella mia famiglia non si fanno regali per Natale, ma ho ricevuto un libro che mi aiuterà a imparare il giapponese. Anche se mi sono divertita, mi manca la mia famiglia.

Quarto articolo

Sono passate due settimane da quando ho cambiato famiglia ospitante e già mi manca molto la mia prima famiglia. Tuttavia, nel blog di questo mese scriverò della mia nuova famiglia. La mia famiglia ospitante si compone di una madre ospitante, Tomoko Hirata (50 anni) e dalla mia sorella ospitante, Narumi Hirata (26 anni). Ci sono altre due sorelle, ma al momento sono a Tokyo. Hanno un cane, probabilmente un barboncino nano di nome Kai, che odia tutti tranne Narumi :’(.

Vivo in una casa di cui metà fa parte di una caffetteria. Mia madre ospitante possiede un’azienda di miele nella quale lei e mia sorella ospitante lavorano. Ho allegato una foto dell’ingresso della caffetteria, uno dei luoghi dove vendono il miele. Sono entrambe molto occupate, eppure Tomoko si sveglia sempre presto la mattina per prepararmi un bento per scuola. Ne sono molto grata. Per adesso ho una stanza tutta mia, ma il prossimo mese un secondo studente di scambio si unirà a questa famiglia e dovremo condividere una camera.

Mia madre ospitante e io abbiamo fatto parecchie cose assieme, ad esempio siamo andate a vedere un torneo di sumo e siamo anche andate a mangiare in qualche ristorante. Mia madre ospitante, essendo un membro del Rotary, mi accompagna durante i viaggi che faccio con Rotary. Non ho ancora avuto l’occasione di trascorrere un fine settimana con loro a causa degli eventi del Rotary, ma sono sicura che ci sarà modo di farlo.

Nella foto in cui sto praticando il tiro con l’arco si vede Tomoko. Purtroppo, non ho molte foto di loro due… La sessione di tiro con l’arco si è svolta durante un viaggio organizzato dal Rotary.

Terzo articolo

Passare del tempo con i miei amici o la mia famiglia ospitante è quello che preferisco in assoluto. Mi piace soprattutto andare in una caffetteria, cantare al karaoke o mangiare al ristorante, anche per conoscerli meglio e perché possano conoscermi a loro volta.

Parlare con la gente è sempre interessante, sebbene il mio giapponese non sia perfetto. Perlopiù, mi piace svolgere delle attività che non si possano fare in Svizzera, come assistere a spettacoli tradizionali giapponesi o mangiare autentico cibo giapponese.

Certo, è possibile mangiare dei piatti giapponesi in Svizzera, ma è totalmente diverso mangiarli qui, perché sono di migliore qualità, più variegati e meno costosi. Quindi con pochi franchi posso mangiare molto più sushi! I miei due piatti preferiti sono il curry giapponese e i sushi; infatti, quando vado in un ristorante con la mia famiglia ospitante mangio spesso i sushi. Trovo questi ristoranti fantastici, perché servono i sushi su un nastro trasportatore. In una foto puoi vedermi mentre preparo i takoyaki, un piatto tipico giapponese che si fa durante le feste. Nell’altra foto, mi vedi con altri studenti di scambio in un ristorante di sushi con i nostri piatti ammucchiati.

Secondo articolo

È da un mese che sono in Giappone e non mi pento di aver intrapreso questo anno di scambio. Ogni giorno scopro molte cose interessanti sul Giappone e tutte le persone che mi circondano cercano di farmi sentire a mio agio, in un ambiente piacevole. Siccome sto sperimentando tante cose nuove qui, ho scoperto: di essere una fan del karaoke (benché io non canti molto bene), che non mi piace affatto il nato (sono semi di soja fermentati che hanno un sapore molto forte di fermentazione) e che le auto giapponesi non hanno il clacson. Le macchine giapponesi sono state uno dei miei più grandi shock culturali; nessun clacson, il volante a sinistra, e molte auto assomigliano a scatole rettangolari, per come sono state costruite.

Anche le porte sono molto diverse qui.  Qualche giorno fa, sono rimasta 10 minuti davanti alla porta d’ingresso perché giravo la chiave verso sinistra nella serratura (come in Svizzera), finché non ho provato a girarla verso destra e alla fine sono potuta rientrare a casa.

Mi piace molto il Giappone, la mia famiglia ospitante è fantastica. Mi piace cucinare con mia madre ospitante e giocare a Mariokart con mio fratello ospitante (arrivo spesso seconda o ottava al traguardo e lui arriva sempre primo).

Ovviamente ci sono delle cose che non mi riescono bene, il giapponese è indubbiamente il mio più grande problema. Non conoscevo il giapponese prima di venire qui e ora conosco soltanto 200 parole, il che è davvero poco. Siccome non conoscevo ancora il giapponese, la scuola per me era molto noiosa visto che non capivo le lezioni.

La maggior parte delle persone in Giappone non parlano molto bene l’inglese, il che complica le cose. Le lezioni d’inglese sono l’unica cosa che riesco a capire, ma ce ne sono solo tre di lezioni. Ho anche difficoltà nell’apprendere il giapponese, perché non sono abituata a imparare così tante cose contemporaneamente. Ma credo che se mi impegno, presto potrò partecipare alle lezioni!

Primo articolo

Mi chiamo Tabea Zimmermann e attualmente sto facendo un anno di scambio in Giappone. Ho 15 anni, abito nel Canton Zurigo, nel villaggio di Weiningen, e l’anno scorso ho portato a termine il terzo anno di liceo con un orientamento verso lingue antiche.

Ho sempre desiderato fare un anno di scambio, sin dalla scuola elementare. Alla fine ho scelto il Giappone, perché volevo imparare una nuova lingua, andare in un paese abbastanza sicuro e perché il cibo lì è ottimo.

Pochi giorni prima che partissi, ho continuato a fare molte cose con la mia famiglia, tra cui i bagagli. Preparare le valigie ha richiesto tanto tempo visto che ho una sorella gemella con cui condivido un armadio, abbiamo quindi dovuto ripartire tutti i vestiti in modo più o meno equo. Ci ho messo diversi giorni per fare le valigie e ci ho sempre messo solo vestiti lavati. Dato che volevo portare tutti i miei vestiti puliti, sono uscita in pigiama negli ultimi giorni. È stata dura lasciare la mia famiglia in aeroporto.

Ho preso l’aereo da Zurigo fino a Singapore, dove ho dovuto trascorrere 18 ore ad ammazzare il tempo, poi ho volato fino a Fukuoka, dove la mia famiglia ospitante e molti Rotariani mi stavano aspettando per scattare qualche foto (la mia sorella ospitante non c’era perché era ancora a scuola, ma ci siamo viste qualche ora dopo).

Benché parli a stento giapponese (conosco soltanto una decina di parole), sono comunque riuscita a comunicare con la mia famiglia ospitante, soprattutto in inglese, gesticolando e usando le 10 parole che conoscevo in giapponese. Durante la prima settimana ho dovuto risolvere alcuni problemi amministrativi con il comune e con la scuola. Ho persino avuto modo di conoscere la famiglia allargata della mia famiglia ospitante. Ho anche avuto l’occasione di poter fare molte attività, come: creare tradizionale carta giapponese, andare circa cinque volte al „batting center“ (visto che mio fratello ospitante ama il badminton), mangiare molti piatti giapponesi (che sono tra l’altro davvero buoni) e fare ginnastica al mattino nel villaggio in cui vivo (Chikugo).